Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Volunia e dintorni

Ieri è stato presentato Volunia, il nuovo motore di ricerca totalmente realizzato in Italia che alcuni (incautamente?) hanno battezzato come il nuovo rivale di Google: pare che la conferenza stampa di presentazione non sia stata il massimo e che non si tratti di un servizio particolarmente innovativo ma di questo scriverò in un prossimo post, dopo avere avuto la possibilità di provarlo di persona.

Quello di cui invece vorrei parlare oggi è un tema a me carissimo, che ciclicamente ritorna: il pressapochismo con cui spesso i giornalisti scrivono di tecnologia e/o di informatica.

È chiaro che un articolo destinato a un pubblico ampio deve essere accattivante e deve evitare dettagli troppo tecnici ma la correttezza dovrebbe essere sempre garantita e, in mancanza di competenze specifiche (mica si può essere esperti di tutto lo scibile tecnologico), bisognerebbe seguire la buona regola di chiedere il supporto o la revisione di un esperto del settore.

Ho letto solo qualche articolo per mancanza di tempo  (sui siti dei giornali on-line più consultati) e gli errori e le imprecisioni erano un po' troppi (tanto che anche altri hanno sentito il bisogno di commentare sul tema, vedi qui per esempio http://jumpinshark.blogspot.com/2012/02/noterelle-per-tutti-gli-espertoni-di.html): fra i tanti strafalcioni, Marchiori è diventato un professore di matematica invece che di informatica (e non si può dire che sia una cosa difficile da verificare anche per chi non è un super esperto di motori di ricerca :-), Lorenzo Thione è diventato l'inventore di Bing quando era ancora giovane studente (mentre Bing è solo il nome più recente del motore di ricerca storico di Microsoft a cui ha lavorato anche Thione, in effetti, ma un paio d'anni dopo che la sua Powerset fu comprata dal colosso di Redmond e quando comunque lui non era più studente da un pezzo) e così via.

Speriamo che la prossima volta vada meglio: io sono sempre a disposizione per dare il mio supporto per temi come i motori di ricerca o la tecnologia semantica. Lo faccio volentieri e pure gratis :-)