Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Non ci sono più le stagioni di una volta

Sembra proprio che questo agosto sia la dimostrazione perfetta che, dopo il detto sulle mezze stagioni, presto ne dovremo coniare uno anche sulle stagioni intere. Agosto è sempre stato un mese "morto" in Italia e un po' sonnacchioso in tutto il mondo. Quest'anno sembra invece esser diventato il mese più importante: è scoppiata in Europa e in USA la nuova crisi economica (che è poi quella vecchia, semplicemente uscita dal tappeto sotto al quale era stata nascosta a forza di debito pubblico), costringendo i governi a un insolito e per ora del tutto velleitario attivismo mentre, sul fronte delle aziende hi-tech, abbiamo assistito prima alla più grande acquisizione di Google, poi abbiamo visto la nuova strategia di HP che ha comprato Autonomy, abbandonato WebOS e annunciato lo spin-off della divisione PC.

Se l'operazione di Google è molto rischiosa ma può avere profili di successo (e Google ha le spalle molto grosse e tantissimi soldi in cassa), l'acquisto di Autonomy da parte di HP mi pare la mossa della disperazione, soprattutto per il prezzo e le modalità di pagamento (tutto in contanti, spendendo l'80% della liquidità esistente; questo in un momento di mercato in cui la liquidità è preziosa come l'oro). Un deal a 3 miliardi di dollari sarebbe stato un grosso azzardo ma avrebbe potuto avere ancora un senso. Un decente ritorno sull'investimento non sarebbe stato impossibile. A più di 10 miliardi di dollari, invece, è semplicemente un salto nel vuoto.

Autonomy è oggi un’azienda molto diversa rispetto a qualche anno fa: è un conglomerato di società acquisite nel tempo, molto differenti tra loro, in cui il fatturato derivante dal motore di ricerca statistico rappresenta solo una parte del fatturato totale (ben meno della metà, se si legge bene il bilancio). In pratica, quindi, HP entra in un settore che oggi non presidia, quello del software aziendale, e avrà all’interno di questo settore un nuovo e complesso fronte aperto con competitori molto agguerriti (come ben spiegato anche in questo articolo in inglese).

Credo che ad agosto dell'anno prossimo si potrà fare un primo punto per capire chi aveva ragione, sperando in un po’ più di tranquillità. Ormai è tutto frenetico ma se ci tolgono anche l'ultimo mese del'anno rimasto un po' tranquillo… non ci rimane più nulla :-)